Verona dà l’esempio

La città nel nord dell’Italia intende aiutare fattivamente le donne in difficoltà per una gravidanza indesiderata. Esse dovrebbero ricevere tutto il sostegno necessario affinché possano tenere il proprio bambino.

Verona - città a favore della vita.

(© Foto: mihtiander/123rf)

Il Consiglio comunale di Verona ha adottato a larga maggioranza nell’ottobre 2018 una mozione che si prefigge di prevenire gli aborti. Le istituzioni a favore della vita dovrebbero essere sostenute con fondi pubblici. Ad essere sostenute sarebbero anche organizzazioni che facilitano l’adozione dei bambini in modo da evitare gli aborti. Dopotutto, scopo della mozione è anche proclamare ufficialmente Verona quale «città a favore della vita».

Il Consigliere municipale Alberto Zelger, che ha inoltrato la mozione in occasione del 40° dell’introduzione in Italia della legge sull’aborto nel 1978, osserva: «A volte basta anche solo un piccolo aiuto economico o la prospettiva di trovare un lavoro affinché una donna nel bisogno trovi la pace interiore di cui ha bisogno per prendersi cura del proprio bambino.»

La mozione ricorda anche che va accettata e protetta in tutti i modi la vita di ogni persona, dal concepimento alla morte naturale.

Alla Svizzera farebbe bene avere alcune città come Verona. Ma fintanto che non è così, rimane necessaria l’opera dell’ASMB, che tramite consigli e aiuti concreti assiste e incoraggia le madri nel bisogno a dire di sì al loro bambino. Il che richiede naturalmente anche il sostegno privato di una vasta cerchia di benefattori e simpatizzanti.